Aterosclerosi.net

Aterosclerosi

Le statine non sono efficaci nel ridurre le placche aterosclerotiche dell'aorta addominale e numerose prove indicano che i bifosfonati hanno la potenziale capacità di indurre la regressione delle plac ...


L’aterosclerosi è ritenuta una malattia dell’uomo moderno, legata agli stili di vita contemporanei. Tuttavia, la sua prevalenza precedente all’età moderna non è nota.È stato condotto uno studio per va ...


Dalcetrapib modula l'attività di CEPT ( proteina di trasferimento del colesteril-estere ) per aumentare il colesterolo HDL.Dopo il fallimento di Torcetrapib non era noto se l'HDL prodotto dall'interaz ...


I farmaci antipiastrinici sono efficaci nel prevenire la ricorrenza di aterosclerosi nei pazienti con diabete mellito di tipo 2, ma tuttavia efficacia e utilità di due diversi farmaci antipiastrinici, ...


L’endotelina è uno dei più potenti vasocostrittori e gioca un ruolo determinante nella patogenesi dell’aterosclerosi.È stato disegnato uno studio per valutare l’ipotesi che il trattamento a lungo term ...


Non è noto se gli interventi alimentari per perdere peso possano indurre regressione dell’aterosclerosi carotidea.Nello studio DIRECT-Carotid ( Dietary Intervention Randomized Controlled Trial-Carotid ...


Ricercatori dell’Università di Roma Tor Vergata hanno confrontato gli effetti di breve periodo della Rosuvastatina ( Crestor ) e della Simvastatina ( Sinvacor, Zocor ) nei pazienti di media età con di ...


La calcificazione della coronaria misurata mediante tomografia computerizzata rappresenta una conferma radiografica di aterosclerosi, predice gli eventi cardiovascolari, e negli studi randomizzati è s ...


E’ stato suggerito che la terapia ipolipidemizzante intensiva con l’impiego delle statine riduce il volume della placca ateromasica.E’ stato esaminato l’effetto della Rosuvasta ...


La cirrosi biliare primaria è frequentemente associata all’ipercolesterolemia e con un’aumentata morbilità e mortalità cardiovascolare. Le statine abbassano i livelli plasmatici di colesterolo e posso ...


Lo studio VYCTOR ( The Vytorin on Carotid Intima-Media Thickness and Overall Arterial Rigidity ) ha valutato l’effetto di 3 terapie ipolipidemizzanti sulla riduzione dello spessore intima-media ...


La tecnica VH-IVUS ( ultrasonografia intravascolare con istologia virtuale ) è impiegata per diagnostire le placche coronariche e valutare la terapia con statine. Tuttavia nella maggior parte d ...


In diversi studi che hanno valutato le statine, l’incidenza di eventi vascolari tra i gruppi di trattamento inizia a differenziarsi solo dopo 1 anno.Per la progressione dell’aterosclerosi, ...


Oltre ad inibire la biosintesi del colesterolo, le statine inibiscono anche la formazione di intermedi isoprenoidi, che sono richiesti per l’attivazione del pathway ROCK ( Rho/Rho-chinasi ).L&rs ...


Studi hanno mostrato che l’apelina riduce la dislipidemia.E’ stato studiato se i livelli plasmatici di apelina aumentassero dopo intervento ipolipidemico o attraverso cambiamenti dello sti ...


Studi randomizzati hanno dimostrato che l’abbassamento dei livelli di colesterolo LDL con inibitori dell’HMG-CoA reduttasi, anche noti come statine, è associato alla riduzione degli ...


La Rosuvastatina ( Crestor ) è la più efficace statina attualmente a disposizione del medico, ed ha dimostrato di essere più efficace delle altre statine, come Atorvastatina ( Tor ...


Ricercatori dell’University of Pennsylvania School of Medicine a Filadelfia negli Stati Uniti, hanno valutato l’ipotesi che i livelli plasmatici di adiponectina e di leptina siano indipend ...


Esiste un’associazione epidemiologica tra parodontite e malattia cardiovascolare.Nella periodontite si ha infiammazione sistemica a basso grado e batteriemia.Tali eventi possono contribuire all& ...


La recente aumentata incidenza della malattia cardiovascolare tra gli eschimesi dell’Alaska sta ad indicare che i cambiamenti nello stile di vita tradizionale possono aver prodotto conseguenze s ...


E’ stato proposto che la deplezione di ferro protegge dalla malattia cardiovascolare.C’è crescente evidenza a sostegno del meccanismo protettivo della riduzione dei livelli di ferro ...


L’elevato livello pressorio nell’età intermedia è un fattore di rischio ben definito per la malattia cardiovascolare, ma le conseguenze degli aumenti minori nei giovani adult ...



2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer